Auso 2015

Auso 2015

5.00 out of 5 based on 3 customer ratings
3 Reviews

In Stock

10,25 SPEDIZIONE SEMPRE GRATUITA

Auso 2015 di Tenute del Fasanella sgorga sincero come la cascata omonima da cui prende il nome, dove il Primitivo e l’Aglianico si uniscono spalleggiandosi vicendevolmente.

✓ Denominazione: IGP PAESTUM
✓ Produttore: Tenute del Fasanella
✓ Annata: 2015
✓ Varietà: Aglianico 82%, Primitivo 18%
✓ Altitudine: 500 metri s.l.m.

Quantity:

Note del Sommelier

fosca tortorelli sommelierAuso 2015 di Tenute del Fasanella sgorga sincero come la cascata omonima da cui prende il nome, dove il Primitivo e l’Aglianico si uniscono spalleggiandosi vicendevolmente, dando vita a giochi e combinazioni intriganti, che richiamano alla mente il suggestivo fenomeno carsico che si può ammirare percorrendo la strada interpoderale carrabile, detta anche “Grotta dell’Auso”.

Una piena e sincera succosità di ribes nero prima, mirtillo poi, si rendono noti in modo propulsivo, lasciando spazio a note di mirto e a una intrigante speziatura di pepe bianco, a cui seguono note terrose di sottobosco e chiari accenni di macchia mediterranea, che si rincorrono e ritornano coerenti al palato. Un sorso pieno e coinvolgente, dove il primitivo distende la tensione dell’aglianico, senza banalizzarne il sorso. Un vino centrato e diretto, che ti accompagna in una piacevole lettura e nell’espressività combinata di vitigni così dissimili e di un territorio intrigante e di selvaggia bellezza.

Fosca Tortorelli


Scheda tecnica

  • Produttore: Tenute del Fasanella
  • Nome vino: AUSO
  • Annata: 2015
  • Denominazione: IGP PAESTUM ROSSO
  • Varietà: Aglianico 82%, Primitivo 18%
  • Località: S. Vito Prato e Lupinelle
  • Estensione vigneto: 3,62 ettari
  • Altitudine: 500 metri s.l.m.
  • Disposizione vigneto: esposto a sud-ovest con orientamento dei filari nord-sud
  • Suolo: profondo, su alternanze marnoso arenacee, a tessitura media in superficie, fine o moderatamente fine in profondità
  • Densità d’impianto: 5680 piante/ettaro
  • Potatura: guyot bilaterale per l’Aglianico e cordone speronato per il Primitivo
  • Produzione: 71 Ql/Ha per l’Aglianico e 100 Ql/Ha per il Primitivo
  • Tipo ed epoca di vendemmia: manuale in ceste da 13 Kg; 5 Settembre per il Primitivo, dal 22 al 18 Ottobre per l’Aglianico
  • Vinificazione in totale assenza di solforosa: diraspatura; macerazione prefermentativa a freddo; macerazione alcolica in acciaio per 10 giorni a temperatura controllata; svinatura e pressatura soffice; proseguo della fermentazione alcolica e malolattica, a seguire gli assemblaggi del Primitivo e le varie partite di Aglianico
  • Maturazione: 18 mesi 60% in acciaio su fecce fini e 40% in tonneau di 8° passaggio
  • NO stabilizzazione tartarica
  • Filtrazione: 1 µm
  • Imbottigliamento: 10 Luglio 2017 (1° lotto)
  • Affinamento: 3 mesi in bottiglia
  • Resa uva/vino: 62%
  • Bottiglie prodotte: 7.749 (1° lotto)

VINO BIOLOGICO CERTIFICATO da CCPB
VINO SENZA SOLFITI AGGIUNTI

Dati analitici

  • Alcool svolto: 13,87 %vol
  • Estratto secco netto: 30,1 g/l
  • PH: 3,18
  • Acidità totale: 6,56 g/l
  • Acido malico: 0,10 g/l
  • Anidride solforosa totale: <10 mg/l
  • Limite legale per obbligo “contiene solfiti” in etichetta: 10 mg/l
  • Limite legale per il vino rosso secco biologico: 100 mg/l

L’eventuale presenza di precipitati è garanzia di genuinità del prodotto e non ne influenzano le caratteristiche organolettiche

Tenute del Fasanella

L’azienda inizia a vinificare nel 2008. Intanto parte la conversione al biologico poi conclusa con la vendemmia 2012, in concomitanza del vino biologico in Europa. Con la vendemmia 2010 si decise di abolire i solfiti del tutto, puntando sul potenziale del territorio conosciuto con le campagne 2008 e 2009. Così la scelta radicale per tutta la produzione aziendale. Il senza solfiti è un traguardo e una coerenza con l’insieme delle altre scelte fatte. Un punto di arrivo e non di partenza. La partenza è nelle vigne, come sempre. Soprattutto per chi non si può affidare a determinate tecnologie di cantina perché troppo costose per piccole aziende. Perché di naturale c’è l’uva, il frutto con il seme per la continuazione della specie. Tutto il resto, il vino, è un “prodotto antropologico”, che per aspetti salutari deve essere il più sano possibile e per questo con meno solfiti possibili e quindi senza nessun altro additivo, considerando anche i coadiuvanti di sintesi.

3 recensioni per Auso 2015

  1. Antonio

    Vino eccellente

  2. Luciano

    Gia dal primo sorso, tutti i profumi e i sapori di una terra genuina. L’ho gustato con carni forti alla brace e ne ha esaltato il sapore.

  3. Paolo

    Davvero sorpreso dalla qualità del prodotto. Un vino biologico e senza solfiti assolutamente da provare, che rispecchia in pieno il carattere vivace e forte del territorio.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 3 =